Mi sbatto violentemente la cheerleader americana sul divano di casa e poi le faccio ingoiare tutta la mia sborra calda

che scopatona
  • Categorie: Teen
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 201 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,67 out of 5)
    Loading...
  • Se c’è una cosa che mi infoia sono le cheerleader, le ragazzine belline vestite da majorettes. Sono un patito di quel tipo di femmina. Vado sempre nei college a vedere gli spettacoli. Stavolta sono stato fortunato, sono riuscito a rimorchiare questa brunetta dal fisico mozzafiato che per me ha tenuto la divisa che indossava, dopo aver ottenuto un bocchino me la sono sbattuta bene sul divanetto di casa e gli ho fatto pure assaggiare il condom usato. Si sa, le americane sono ready to fuck, basta un piccolo sguardo, qualche parola maliziosa, che te le porti a letto senza il minimo problema. Poi loro sono anche ben ammaestrate, quindi riescono a farti impazzire con pochi movimenti ben fatti e a farti arrivare in pochi secondi, facendoti fare anche una brutta figura.

    Chi in vita sua, non ha mai fantasticato su queste maialine americane?

    Non potete rispondermi di no, non vi crederei. Con tutti i film americani che sono stati trasmessi in televisione, non posso accettare che qualcuno almeno una volta non abbia fatto un pensiero perverso su queste ragazze. Diciottenni che gia avevano dato molto a livello di sesso e che ora sono diventate delle grandi ninfomani, esaltate  e vogliose di aumentare il proprio ego. Dopotutto, sono si bellissime, ma mancano di carattere e di personalità, con un piccolo complimento sono tue e quindi le prede facili non sono la cosa migliore di tutte.

    Quando si è a ruota però, non possiamo fare gli schizzinosi

    Le ragazze, quando te la danno, non puoi dire di no. Saranno pure facili, ma appunto per quello, una bottarella bisogna sempre riservagliela, anche perchè menare l’uccello non fa altro che bene. Questa porcellina, amava troppo sentire il mio pene dentro di lei, tanto da non riuscire a stare in silenzio, ma anzi, doveva urlare ai quattro venti il suo piacere

    Inserisci

    Condividere