La mamma tatuata mi porta a casa dove la figlia arrapata si unisce a noi in una scopata a tre incestuosa ed eccitante

sesso a tre con mamma e figlia punk
  • Categorie: Incesti italiani
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 36 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
    Loading...
  • Mamma tatuata

    Questa maiala tatuata mi porta a casa sua. Non capita spesso che queste ninfomani punk ti offrano un letto per scopare anziché farsi prendere in qualche bagno pubblico o dietro i piloni di un garage (lo dico per esperienza). Ma questa mi porta a casa sua. Ad aprire la porta c’p una fighetta altrettanto tatuata. Dal modo in cui la fighetta guarda la donna capisco che, anche se sembra strano, lei deve essere la figlia. Dal modo in cui la fighetta guarda me, capisco che non le dispiacerebbe scoparmi. Dopotutto tale madre tale figlia.
    La giovane mamma raccomanda alla figlia di non disturbarla mentre va in camera con me e ce ne andiamo.

     

    Una cosa a tre

    Mentre saliamo le scale mi giro verso la figlia per darle un’ultima squadrata. E’ stato grazie a questo che dopo dieci minuti da quando abbiamo cominciato a darci dentro sentiamo qualcuno graffiare la porta. La ragazza ha interpretato il mio sguardo come un “mi piacerebbe scopare anche te”. E non aveva torto. Ma non mi aspettavo che si sarebbe presentata alla porta mentre mi stavo trombando la madre.
    Per loro non deve essere una cosa tanto strana. Sono con il cazzo dentro la sorca della madre quando la figlia si siede sul letto. L’unico con un’espressione sorpresa sono io.

     

    A sorca donata non si guarda in bocca. Basta una carezza alla giovane zoccola per farla spogliare. Cominciamo a coccolarla con le nostre lingue. La madre la sta ancora leccando mentre io glielo sbatto in gola. Poi tocca a lei mettere la bocca al servizio della madre. E mentre lo fa la sua lingua a volte scende a leccare anche le mie palle. Riesco a farle godere entrambe e quando sono soddisfatte mi stendo e mi godo entrambe le loro bocche litigarsi l’uccello a colpi di lingua.

    Inserisci

    Condividere