La mamma del mio migliore amico adora i cazzi neri. Me la sono scopata in un motel di Lambrate dopo una cenetta romantica.

Tutto dentro
  • Categorie: Milf , Porno Italiano
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 5.610 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,33 out of 5)
    Loading...
  • Luca, il mio migliore amico

    Ho conosciuto Luca qualche anno fa, mi ero trasferito a Lambrate da poco e visto che adoro il calcio mi iscrissi nella squadra locale che subito mi accettò, credendo che essendo un  ragazzo di colore, fossi stato veloce ma le mie qualità erano altre. E’ proprio qui che ho conosciuto Luca, il mio migliore amico. Uscivamo spesso insieme, ma il nostro rapporto di amicizia è cambiato quando mi invitò a casa sua per la prima volta.

    Quella bella milf matura della madre di Luca

    La mamma di Luca, il mio migliore amico, è proprio una zoccola da paura. Dopo avermi conosciuto, mi ha mandato un WhatsApp dicendomi che sarebbe venuta a prendermi dopo l’allenamento per andare a bere una birretta. La cosa era strana ma visto che era una troia da paura accettai volentieri di andare a bere con lei. Dopo l’allenamento dissi a Luca che andavo a casa ed invece sua madre mi era venuta a prendere nel parcheggio dietro la palestra.

    La cagna vogliosa

    Mi portò in un localino fuori città, per non farci vedere da occhi indiscreti. Mangiammo e bevemmo quella dolcissima birra. Lei era un po’ ubriaca o faceva finta, non so, comunque finito di mangiare, mi portò in macchina ed invece di tornare a casa, siamo finiti in questo motel di Lambrate a scopare come maiali. Non volevo scoparmi la madre del mio migliore amico ma la voglia di infilare il mio cazzo in ogni suo buco, era troppo forte e non ho saputo resistere. Prima mi ha succhiato il cazzo nero per bene, la sua bocca era calda ed accogliente, mi leccava la cappella in un modo bellissimo, mai nessuna ragazza me l’aveva leccata così. Le ho leccato duro la figa pelosa e le sfondato il culo mentre la troia in autoreggenti non smetteva di chiedermi la sborra in bocca.

    Inserisci

    Condividere