Ho ripreso l’ammucchiata selvaggia fatta su mia moglie, che si è fatta ingroppare da due cazzoni neri, arrapati come beduini

video gangbang
  • Categorie: Troie
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 1.792 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (15 votes, average: 3,73 out of 5)
    Loading...
  • Non ho potuto replicare nulla alla richiesta di mia moglie di farsi cavalcare da ben due stalloni di colore dalla minchia enorme, il bello è che si è voluta anche far riprendere mentre scopavano sul nostro letto… Nel frattempo che li vedevo divertirsi mi sono arrapato anche io e ovviamente dopo è toccato a me inchiappettare mia moglie tutta sudata del sudore di quei due. Che perversioni malate, non pensavo mia moglie arrivasse a tanto, che maiala! Quando pensi di conoscere una persona meglio di te stesso, ma poi lei ti sorprende, la tua vita prende due decisioni separate. O la accetti, o la rifiuti. Io da vero perverso, non potevo fare altro che accettarla.

    Ammucchiata selvaggia con mia moglie come portata principale

    La cosa non mi dava fastidio, forse inizialmente, vedere dei grossi cazzi neri che le sfondavano la sua bella e graziosa fichetta mi faceva arrabbiare, poi ho iniziato a capire di dover accettare quella situazione se avrei voluto ancora stare con lei. Io la amavo tanto, abbiamo anche due figli e quindi anche per loro ho deciso di accettare mio malgrado questa situazione. Non avrei mai pensato che un giorno questa cosa sarebbe iniziata a piacermi. Ora con una frequenza quasi oraria, mi faccio delle grandissime scopate o di gruppo o da solo, con o senza mia moglie, senza che lei si arrabbi o dica di lasciarmi.

    Quando hai dei pregiudizi, ci vuole sempre tempo per cambiare idea

    Io questo avevo, dei pregiudizi su chi voleva fare una relazione aperta. Per me la donna deve essere propria, una donzella da difendere e non una mera fetta di carne alla mercè di lupi assetati di sangue. Ma poi, vedendo la faccia di mia moglie godere come una pazza con quei neri, ha fatto scattare in me quella molla che serviva per decidermi su questa vita

    Inserisci

    Condividere