Ho montato mia moglie dopo il teatro con ancora addosso il vestito da sera, la maiala voleva provare anche il suo nuovo giocattolino

figa pelosa
  • Categorie: Porno Italiano
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 23.451 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (11 votes, average: 3,55 out of 5)
    Loading...
  • Ho chiavato mia moglie Giovanna di ritorno dal teatro con le gambe all’aria e con ancora addosso l’abito da sera. La gran porcella da tempo prende degli ormoni per rimanere incinta e sta sempre eccitata e con tanta voglia di fottere a tutte le ore. Sta veramente iniziando a preoccuparmi, mi ricorda una ninfomane arrapata che ti lega al letto e ti prosciuga il cazzo. Ieri mi ha mostrato il dildo nuovo che si è comprata e mi ha chiesto di infilarglielo nella fica mentre le impalo il cazzo nel culo. Le mie palle sono sempre prosciugate visto che la mia troietta è sempre allupata a causa delle pillole che prende e vuole scopare ogni istante della giornata. Quella sera eravamo andati al teatro, per tutta la durata della commedia aveva massaggiato il mio cazzo con le sue dita delicate. Tornati a casa aveva troppa voglia di scopare ed io non posso mai dirle di no visto che la amo tantissimo ed adoro il suo seno ed il suo corpo mozzafiato. Nemmeno il tempo di bere qualcosa che inizio a spogliarla e leccare le sue grosse tette scendendo pian piano sempre più giù fino ad allargare le gambe della mia troia e ficcare la mia lingua dentro la sua fica. Prima di ficcare il mio cazzo dentro di lei, in profondità, metto il mio uccello nella sua bocca e dopo avermelo succhiato per bene mi fa una spagnola con le sue grosse tette continuando a leccarmi la cappella. Una goduria assurda stavo provando in quel momento, ero eccitatissimo. Mia moglie è una vera porcella a letto, per questo l’ho sposata perché ha sempre voglia di cazzo, del mio cazzo. La misi a pecora sulla scrivania ed iniziai a sfondarla, infilando il mio cazzo dentro di lei ogni volta con più violenza e più foga.

    Inserisci

    Condividere