Giovane cicciottella e troia finalmente si ritrova il cazzo che desiderava tra le mani. Lo succhia e se lo scopa a dovere

giovane zoccola succhia uccello e scopa
  • Categorie: Porno Italiano
  • Tags:
  • Visualizzazioni: 38 visualizzazioni
  • Punteggio:
    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Dai il primo voto)
    Loading...
  • Se non fossi fidanzato

    Non ha una bella fama. Per questo sono costretto a trattarla come una come una appestata quando ci sono i miei amici o altre ragazze. Ma anche quando ero fidanzato devo dire che c’era qualcosa in lei che mi arrapava. Non è la classica bella ragazza. Non una di quelle stangone magre che sanno come comportarsi. E’ una ragazza cicciottella con lo sguardo sempre incazzato. Eppure quando guardava me sorrideva, ci provava. Io le piacevo e a me piaceva il modo in cui muoveva le sue chiappone cercando di farmi arrapare.
    Il giorno in cui ci lasciamo con la mia ragazza è il giorno in cui mi ricordo di conoscere qualcuno con il numero di telefono della maialona.

     

    Ha la fama di essere una troia

    Ci vediamo da me. Abbiamo entrambi le idee chiare su quello che vogliamo. Lei mi desiderava da tanto, ma quello più arrapato sono senza dubbio io. La guardo spogliarsi e tanto più si scopre il suo corpo cicciottello tanto più il mio cazzo diventa duro.
    Le dico che ha la fama di essere una troia. Lei non se la prende, mi dice che succhia tanti cazzi quanto fanno le altre ragazze, solo che lei lo ammette. Dopo questa affermazione non resisto dalla voglia di sperimentare un suo bocchino. Mi abbasso i pantaloni e il mio uccello è tutto per lei.
    Lo prende in bocca come una vera professionista. Non c’è paragone con i bocchini della mia ex.
    E prima di farmi venire si ferma. Vuole essere scopata.

     

    La stendo sul divano, cosce larghe, e glielo ficco dentro. Una fica bella calda, ma niente di che. La trombo per qualche minuto e la sua espressione da maiala diventa una brutta smorfia di sorpresa. Le piace, ma non mi va di guardarla in faccia, preferisco le sue chiappe. La giro, la afferro per i fianchi grassi e continuo sino a sborrare.

    Inserisci

    Condividere